logo sito Fratus modern U HD

 

CARE AZIENDE, O CI FATE LAVORARE MENO O SMETTIAMO DI CONSUMARE

lavoro disoccupazione ItaliaDomani sarà tragedia, domani sarà insicurezza, domani sarà povertà. Sembra proprio che non si possa fuggire da questa previsione, il lavoro è destinato a diminuire per fattori molteplici e tutti sono concordi. L’aumento della popolazione come l’utilizzo delle macchine per sostituire le persone e aumentare i profitti contribuiranno a dare una svolta epocale a tutto ciò che chiamiamo lavoro retribuito.  Da alcuni anni tutte le mansioni noiose, ripetitive e pericolose vengono piano piano gestite dalle macchine e se questo è qualcosa di buono va anche tenuto conto che circa il 70% dei lavoratori restano quindi a fare lavori di tipo intellettuale, creativo, di gestione di informazioni. Ma anche questi lavori vanno a diminuire grazie all’iper tecnolocizzazione.
La società e il lavoro stanno rapidamente cambiando e le aziende non si modellano in rapporto ai cambiamenti ma cercano solo di aumentare il proprio profitto non capendo quanto è già accaduto e si intensificherà: il crollo dei consumi. L’unica strada percorribile non è quella dello sfruttamento di mano d’opera meno costosa che giunge da paesi meno sviluppati, questa non è la soluzione. Se si procede verso questa direzione si aggraveranno le problematiche e aumenteranno in modo drastico i poveri. Solo in Italia, nell’ultimo decennio, siamo passati da 1,8 milioni di poveri a oltre 4. L’aumento di oltre 2,2 milioni di poveri sono consumatori in meno e quindi meno posti di lavoro e aziende chiuse.
La soluzione? Rivoluzionare il mondo del lavoro tramite un nuovo patto generazionale tra “stato, aziende e comunità (https://iltalebano.com/2012/12/30/un-nuovo-patto-sociale-per-il-futuro/
), la diminuzione di ore di lavoro a parità di stipendio con aumento delle persone impiegate e l’utilizzo del telelavoro per dimezzare i costi delle aziende e dello spreco del tempo per gli spostamenti delle persone. Molte delle attività di oggi possono essere svolte in ogni luogo e a qualsiasi ora; il lavoro intellettuale non dipende da tempo e luogo ma da obiettivi e cooperazione tra soggetti, destrutturando il tempo e lo spazio è possibile creare una nuova forma di lavoro in relazione a obiettivi contribuendo a diminuire diverse problematiche per aziende e società come:
 
  • Costi aziendali
  • Risparmio energetico
  • Manutenzione dei macchinari
  • Incidenti da lavoro
  • Incidenti a causa del traffico
Questo tipo di soluzione contribuirebbe ad aumentar vantaggi di tipo personale come sociale:
  • Tempo libero
  • Gestione e soluzione di problematiche familiari
  • Costi sociali per inquinamento
  • Risparmio economico per le aziende
  • Rispetto della famiglia
  • Reddito per molteplici persone
 
La diminuzione delle ore di lavoro con l’utilizzo del telelavoro garantirebbero alla società post moderna consumi e profitti. In una fase di transizione verso un nuovo modello economico e una società basata sul consumo collaborativo ecco le soluzione basate su un’impostazione comunitarista di transizione.
Fabrizio Fratus

 

SOVRANITÀ E IDENTITÀ LE SFIDE DEL TERZO MILLENNIO

COPERTINA SOVRANISTI A MILANO EBOOK
Articoli Correlati x

ADOLESCENZA TERRA DI MEZZO-LE REGOLE DEI LIMITI, I LIMITI DELLE REGOLE

Relazione   “Quando sei un adolescente il tuo orizzonte non va oltre le due settimane.” - Joio Moyes 

Il...

NUOVO CORSO LEGHISTA: CHI HA PARLATO DI NAZIONALISMO?

In questo articolo ci proponiamo di sviluppare alcune considerazioni in relazione al nesso quarta...

NULLA MOLTIPLICATO PER NIENTE CREA TUTTO

La visione naturalista della vita è qualcosa di assurdo: nulla moltiplicato per niente crea il...

COMUNITÀ Vs SOCIETÀ, OVVERO LA SCELTA TRA CIVILTÀ ED EGOISMO

Il primo studioso a concepire una società comunitarista va identificato in Ferdinand Tonnies,...

TALVOLTA, PICCOLO È BELLO

Ci lasciava nemmeno due settimane fa Gilberto Oneto, uno dei nomi più noti dell’autonomismo...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo